FAQ biciclette elettriche

Che cos'è l' “ausilio alla partenza”?

Le biciclette con l'ausilio alla partenza possono essere guidate con la sola energia del motore fino ad una velocità massima di 6 km/h. Gran parte di questi dispositivi è attivabile con una manopola girevole sul manubrio. Molte persone lo trovano utile, soprattutto nel traffico cittadino.

Posso usare la mia bicicletta elettrica senza l'assistenza elettrica?

Una bicicletta elettrica può essere utilizzata senza assistenza elettrica esattamente come una bici normale. L'assistenza può essere disattivata tramite l'unità di controllo. È possibile proseguire senza alcun problema anche se la batteria è esaurita. Tuttavia, rispetto a una bicicletta standard, la bicicletta elettrica è più pesante.

Come posso controllare il livello di carica della batteria?

Una batteria da bici elettrica è un accumulatore di energia elettrica ricaricabile. I valori importanti per l'energia di una batteria sono tre: Ah (ampere-ora), V (volt) e Wh (watt-ora). La carica che la batteria può immagazzinare viene misurata in ampere-ora (Ah) e viene denominata “capacità”. Il voltaggio (V) indica il voltaggio del circuito. Il valore fondamentale per paragonare batterie diverse è il watt-ora (Wh). Tale valore è il prodotto di ampere-ora e volt: Wh = Ah x V. Quindi un valore di ampere-ora alto non è di per sé garanzia di una capacità elevata.

Quanto dura la carica di una batteria?

Dipende dal vostro tipo di guida abituale e dalla distanza da percorrere. L'autonomia è soggetta a numerosi fattori, p.es. la cadenza di pedalata, il peso del ciclista, la modalità di assistenza elettrica utilizzata, lo stato delle strade, il vento contrario, ecc. Il sensore della bicicletta elettrica misura la forza applicata al pedale e la potenza della pedalata, modulando l'assistenza elettrica di conseguenza. L'equilibrio ideale tra questi fattori produce l'autonomia ideale. Una guida marcatamente a scatti, come nel traffico cittadino, il vento contrario o le salite riducono l'autonomia, in modo analogo al consumo di carburante di un'automobile.

Nella mia bicicletta elettrica mi serve il cambio?

Il cambio permette di adattare la potenza espressa dal motore alle condizioni della strada ed ambientali, ad esempio il vento contrario. In questo modo viene alleggerito il carico sulle articolazioni ed i muscoli del ciclista, consentendo percorrenze più lunghe. La stessa cosa vale per la batteria. Se si mantiene un'intensità di pedalata media, né troppo alta né troppo bassa e costante, l'esperienza dimostra che l'autonomia aumenta.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi dei vari tipi di trazione?

Il motore centrale, con trazione al movimento centrale, permette una distribuzione del peso molto equilibrata, quindi un assetto molto stabile del veicolo. Le probabilità di malfunzionamento degli elementi di collegamento sono minori, perché gli strumenti di controllo, il motore e la batteria necessitano di pochissimi cavi e collegamenti. Per molti di questi modelli, uno svantaggio sono i maggiori costi e tempi richiesti dalle riparazioni in caso di guasto. Inoltre, con il motore centrale non è possibile utilizzare il freno a contropedale. La dinamica del veicolo garantisce una buona stabilità anche con la trazione al mozzo anteriore. Tuttavia, su terreni cedevoli o sabbiosi l'aderenza si riduce, con un evidente svantaggio in salita. In questi casi è preferibile la trazione alla ruota posteriore. Lo svantaggio di quest'ultima è la distribuzione del peso, in quanto sia il motore che la batteria sono posizionati dietro, e questo aspetto peggiora se si aggiunge un carico nella stessa zona. Un vantaggio della trazione al mozzo ruota è che le riparazioni o lo smontaggio della ruota richiedono tempi più brevi. Inoltre, in caso di guasto, è possibile sostituire la ruota assistita con una ruota convenzionale ed utilizzare la bicicletta elettrica come una bicicletta standard.

Devo acquistare una bicicletta elettrica o applicare l'assistenza elettrica alla mia bici?

Acquistando una bicicletta elettrica, a seconda del modello che scegliete, potrete contare su un progetto integrato, in cui il sistema di assistenza alla pedalata, il telaio, la forcella e i freni costituiscono un insieme armonizzato. Gli esperti sono poco favorevoli alle conversioni, in quanto spesso il telaio, la forcella e i freni sono inadeguati a sopportare le maggiori sollecitazioni di peso e velocità. Se acquistate una bicicletta nuova, avrete la possibilità di sceglierne una con caratteristiche compatibili ed assemblare un veicolo sicuro.

Voglio trasportare la mia bicicletta elettrica in auto. Quali aspetti devo tenere in considerazione?

Per il trasporto in auto è molto importante la massima capacità di carico del portabiciclette, poiché le biciclette elettriche possono pesare anche 25 kg o più. Nel caso di un portabiciclette sul tetto dell'auto, considerate che per caricare e scaricare la bici dovrete sollevarla all'altezza del tetto, e che l'auto trasporterà un peso considerevole sul tetto. La soluzione più comoda è offerta dai portabici posteriori. Molti produttori hanno risposto alla rapida crescita del mercato delle bici elettriche ed ora offrono portabici specifici per pedelec. Smontando la batteria e trasportandola all'interno dell'auto, la proteggerete dalle intemperie e allo stesso tempo ridurrete il carico sul portabici. Quando lasciate incustodite la vostra bicicletta e l'auto anche i dispositivi antifurto sono molto importanti. L'acquisto di una bicicletta pieghevole potrebbe essere una valida opzione, se avete l'esigenza di trasportarla regolarmente in auto. Non dovreste acquistare e montare un portabiciclette e potreste trasportare la vostra bici senza esporla alle intemperie.

Il rivenditore ritira le batterie esaurite?

In Germania è obbligatorio riportare le batterie al venditore o ai centri locali di raccolta. Quasi tutte le batterie contengono sostanze nocive per l'ambiente, pertanto non possono essere smaltite con i rifiuti domestici.